Pasti da campeggio in famiglia… deliziosi o disastrosi?

Cosa c’è nei gruppi familiari che cucinano insieme nei campeggi che mi riempie di una leggera paura? Il mio prossimo viaggio in campeggio con la famiglia allargata non potrebbe essere come una scena di una pubblicità dell’olio d’oliva italiano? Generazioni riunite intorno a lunghi tavoli da picnic, cenando sotto le stelle con piatti carichi di delizie, bicchieri che tintinnano, candele che scintillano, sorrisi e risate per ore mentre il sole tramonta dolcemente. I bambini ridacchiano tranquillamente sulle loro sedie e tutti si divertono… o no?

In realtà, so che alcuni dei bambini del nostro gruppo hanno una grande ansia per il cibo. Come genitori, io e le mie sorelle abbiamo tutti approcci diversi su quanto siamo severi con i nostri figli durante i pasti. All’interno del nostro gruppo di dodici persone abbiamo amanti della carne, vegetariani, diabetici, bambini pignoli, bambini sensoriali, senza glutine, senza grano, senza latticini, intolleranti al lattosio… tutte queste esigenze associate al cibo!

A cinque settimane dall’inizio, le e-mail sono volate con i piani di menu suggeriti per l’intero fine settimana, i dibattiti sono iniziati su chi sta cucinando cosa e quando. Cosa porteremo a colazione? I nostri figli mangiano pollo o quorn?… Che ne dite di un chili grande?…. Qualcuno preferisce una colazione cotta, qualcun altro vuole solo cereali, qualcun altro è senza glutine… Aarrgh! Non so nemmeno cosa darò da mangiare ai miei figli domani sera, figuriamoci tra un mese in un campo. Non riesco letteralmente a pensarci!

Mi ha fatto pensare all’esperienza condivisa del campeggio di gruppo. Vivere a stretto contatto con le altre persone, con poca privacy salva lo schermo della tela. E con la cucina condivisa, perdere il controllo sul cibo può portare un po’ di ansia. E se non mi piace? E se i miei figli non lo mangiano? E se dovessi contribuire a un gattino per comprare del cibo di cui non c’è abbastanza cibo? E se sprechiamo i soldi per comprare troppo cibo che nessuno mangia? Posso prendere uno spuntino quando ne voglio uno? Posso saltare il grande barbecue in comune e dare di nascosto da mangiare ai miei figli i wurstel alle 17:00? Sono in realtà solo un maniaco del controllo che non sopporta l’idea che qualcun altro sia responsabile di ciò che mangio e quando (sì!). Ci sono troppe donne nella mia famiglia e siamo TUTTI maniaci del controllo? (molto probabilmente!)

La soluzione meno stressante a questi problemi mi sembra quella di semplificare. Eliminare lo stress intorno al cibo restituendo il controllo ad ogni famiglia, ma riunendoci per mangiarlo. Quindi nessun programma di pasto per tutto il fine settimana (chissà che tempo farà, dove andremo, preferiremmo un pranzo al pub la domenica? A che ora arriveremo tutti venerdì sera?) Non portare sedici scatole fresche per tenere pile di cibo freddo/luke al caldo per tre giorni. Niente gattini. Non cucinare da soli per un gruppo numeroso e preoccuparsi se sarà abbastanza bello.

Sicuramente non si cucina in anticipo. Chi ha tempo? Un amico mi ha dato un libro di cucina da campeggio pieno di ricette deliziose, il 90% delle quali doveva essere fatto a casa prima di arrivare al campeggio. Tanto di cappello a chiunque possa essere disturbato. Chi sono queste meravigliose donne/uomini che possono programmare una giornata solo cucinando, facendo i bagagli, lavorando, facendo i genitori, vivendo…? Non sono solo altre faccende da sbrigare?

Mangia quello che vuoi senza discutere, abbiamo provato le capesante e i lardoni – così veloci, così deliziosi

Cibo da campeggio per famiglie – il modo più semplice

Il mio approccio per un viaggio in campeggio in famiglia in stile minimalista è sempre lo stesso: basta portare il primo pasto e la colazione. Così il venerdì sera, quando tutti noi arriviamo, ogni famiglia porta con sé ciò che vuole cucinare sulle fosse del fuoco (una carne, una verdura) e qualsiasi insalata, ecc. Naturalmente possiamo condividere le cose, se vogliamo. Ogni famiglia porta la propria colazione. Io porto i cereali e ogni mattina prendo una pinta di latte dal negozio del campeggio. Se ci sentiamo ispirati per una frittura possiamo comprare pancetta e uova anche sul posto. È solo per me e i miei due bambini piccoli che hanno bisogno di un rifornimento veloce e presto prima di andare a giocare, di solito non aspettano la colazione per cucinare! Mettiamo insieme i tavoli e mangiamo insieme, se possibile.

E poi lo prendiamo pasto per pasto. Una chiacchierata veloce a colazione può decidere i pasti per il resto della giornata. Ci sono sempre negozi nelle vicinanze. Il mondo non finirà, ci sarà cibo.

Gustare le mie favolose pentole in un campeggio in Francia – salsicce merguez e ravioli

Quindi sì che la visione di una cena all’aperto in famiglia è realizzabile, sì che può essere anche deliziosa ma non ha bisogno di essere pianificata con settimane di anticipo. La vita è troppo breve! Ne vale la pena, ma nel modo meno stressante e più semplice possibile. Uno dei miei campeggi preferiti ha in realtà un fantastico caffè all’aperto sul posto, quindi non c’è nemmeno bisogno di cucinare tutto. E una volta i miei amici hanno appena ordinato un takeaway che è stato consegnato alla loro tenda. Fate quello che volete, non ci sono regole! Basta andare là fuori.

Delizioso menu al bar del campeggio all’aperto nel Dorset

Potrebbero esserci disastri in cucina, ci saranno quasi certamente dei bambini frastornanti (dar loro da mangiare prima se necessario), i tempi potrebbero non essere proprio perfetti per tutti (mangiare patatine e bere gin!) ma quei momenti di gioia arriveranno. Spesso quando meno ve lo aspettate… quando i più piccoli raccolgono spontaneamente le pigne per il fuoco, quando l’halloumi cheese burger si rivela un successo con il mangiatore pignolo, quando vi trovate a ridere ai pasti da campeggio della vostra famiglia d’infanzia (un sacchetto di ‘Savoury Rice’). Il punto è che l’avrete fatto. Nella vostra vita frenetica e caotica avrete trovato il tempo di fermarvi per qualche ora, di riallacciare i contatti con i vostri amici e la vostra famiglia, di stare fermi sotto le stelle senza altro a cui pensare e di trovare un po’ di pace e di amore.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *