Regole d’oro per un’escursione sicura

Riteniamo che le tecniche di primo soccorso, la vigilanza e la sensibilità, la preparazione sufficiente e il rispetto delle regole del sentiero siano la chiave del successo di un’escursione. A tal fine, abbiamo stilato un elenco di “regole d’oro” per la sicurezza delle escursioni e per garantire che la vostra prossima escursione sia un’attività divertente e fruttuosa. Leggete qui di seguito i nostri consigli per la sicurezza all’aria aperta.

1. Mantenersi in buona salute e condizionare il proprio corpo prima dell’escursione

L’escursionismo è un’attività fisicamente impegnativa e dovete ricordare che il vostro corpo è suscettibile di subire ulteriori urti, sforzi o affaticamenti quando siete sul sentiero. Se il vostro corpo non è preparato a sopportare l’aria aperta, potreste soffrire di qualsiasi cosa, da forti crampi a un attacco cardiaco, nel qual caso un soccorritore di primo soccorso dovrà intervenire applicando la rianimazione cardiopolmonare.

Si noti che l’arresto cardiaco è una delle principali cause di morte all’aperto. Pertanto, dovreste accettare di fare un’escursione solo se siete autorizzati dal medico e se potete fidarvi del vostro corpo per affrontare l’intero percorso.

2. Non date per scontato che un’escursione sia priva di pericoli o incidenti.

È meglio essere preparati al peggio, anche se il peggio non dovesse accadere in questa particolare escursione. Fate il favore a tutto il gruppo di escursionisti di imparare il primo soccorso di base e di preparare un kit di emergenza portatile con bende, pomate, antistaminici, antidolorifici, farmaci di mantenimento e simili.

Nel caso in cui uno dei membri del gruppo soffra di patologie gravi come un attacco d’asma o uno shock anafilattico dovuto a un morso o a una puntura di veleno, sarebbe utile imparare a somministrare un trattamento per l’asma o l’anafilassi.

3. Escursioni solo quando il tempo è favorevole

Il maltempo può provocare tempeste, inondazioni improvvise o altri pericoli naturali, che rappresentano ulteriori pericoli per l’ambiente.

Siate intelligenti e programmate la vostra escursione al di fuori delle stagioni irregolari; se le previsioni del giorno prevedono un cambiamento improvviso del tempo, sarebbe meglio rimandare l’escursione.

4. Rimanere sul sentiero e seguire tutte le sue regole

Quando si accetta di fare un’escursione in una particolare riserva naturale, si sottoscrive un tacito accordo di sicurezza, di rispetto dell’ambiente e dei suoi abitanti e di mantenimento del sentiero in buone condizioni per i futuri escursionisti.

Imparate in anticipo le regole del sentiero che avete scelto; rispettate ogni ordinanza per evitare sanzioni o, peggio ancora, eventi disastrosi che sfuggono al controllo di tutti.

5. Rimanere in vista della propria compagnia escursionistica

Anche se conoscete già un sentiero e pensate di poterlo percorrere ad occhi chiusi, non andate mai a fare un’escursione da soli. Durante il percorso, non allontanatevi più di qualche passo dalla linea di vista del vostro gruppo.

Se vi succede qualcosa, sono le persone della vostra compagnia che agiscono come primi soccorritori.

6. Tenete una mappa del sentiero e una bussola per integrare il GPS e i dati del cellulare.

Con l’avvento del GPS e di Internet mobile accessibile, navigare in un’escursione è molto meno difficile che in passato.

È un’ottima idea utilizzare il telefono cellulare, il tablet o i dispositivi indossabili per aiutarvi a trovare la strada. Ma nel caso in cui si esaurisca la batteria, si perda la connettività Internet o si verifichi un malfunzionamento del dispositivo, è bene tenere a portata di mano una mappa fisica del sentiero e una bussola.

7. Portate con voi l’attrezzatura giusta e imparate a usarla correttamente

Fate scorta di attrezzatura da trekking di alta qualità, multiuso, facile da riporre e leggera per la schiena. Non vorrete di certo che lo zaino, la torcia o i multiutensili vi abbandonino nel bel mezzo del nulla.

Se non vi sentite sicuri su corde, sculture o altre abilità necessarie per l’escursione, potete esercitarvi prima a casa vostra.

8. Indossate abbigliamento e attrezzatura adatti all’escursione

È consigliabile investire in un abbigliamento leggero ma robusto che vi protegga dalle intemperie, dalle punture di insetti e dalle ferite.

Mettete in valigia un cappello a tesa larga che copra il collo e il viso, una giacca che vi tenga caldi e asciutti, pantaloni che proteggano le gambe dalla materia superficiale del sentiero e scarpe da trekking o sandali con buone impugnature.

9. Portate in valigia acqua e razioni sufficienti

Rimanete idratati ed energici durante tutta l’escursione portando con voi spuntini leggeri, pasti trasportabili e abbondanti scorte d’acqua, che vi impediranno di esaurirvi o di svenire durante il percorso.

Una buona scelta da portare con sé durante l’escursione è rappresentata da frutta secca e noci, carne secca, panini, barrette energetiche, muesli o uova sode. Non dimenticate inoltre di riempire la vostra borraccia d’acqua fino all’orlo.

Conclusione

Ora che avete la vostra lista di sicurezza per il sentiero, siete pronti per la vostra prossima avventura escursionistica. Ricordate il vecchio adagio di John Muir – “non fare altro che foto, non lasciare altro che impronte, non uccidere altro che il tempo” – e fate una gita da urlo!

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *